Laboratorio per la Comunicazione della Ricerca Scientifica (CRS)

Presentazione

I temi legati alla diffusione e alla disseminazione dei risultati della ricerca si sono fatti nel corso degli anni sempre più importanti e centrali nella vita delle istituzioni di ricerca, nella misura in cui le acquisizioni del lavoro scientifico non sono più pensate come pertinenti al solo ambito intra-universitario, ma hanno una ricaduta diretta nei rapporti con la società civile (terza missione).

D’altra parte, la pubblicizzazione del lavoro scientifico comporta anche una ricaduta immediata su diversi aspetti dell’organizzazione universitaria, come l’orientamento, i finanziamenti esterni, la costruzione di legami con altri centri di ricerca.

Per questi motivi, il tema della comunicazione scientifica è sostenuto anche in ambito comunitario attraverso il finanziamento di progetti di comunicazione innovativi.

 

Il CoWorking Lab costituisce l’ambiente ottimale per ospitare questo laboratorio in quanto permette di condividere strumenti e tecnologie utili alla sperimentazione di forme e formati innovativi di comunicazione, e per studiarne gli effetti e le ricadute.

 

Le attività svolte dal laboratorio sono sia di ricerca che di sviluppo:

  • ricerca sui linguaggi della disseminazione scientifica (forme narrative adeguate, giornalismo scientifico, strumenti pedagogici, gaming, ecc.);
  • sperimentazioni sulle forme e sui formati della divulgazione scientifica in relazione ai diversi mezzi (web, social media, stampa, Tv, radio, ecc);
  • elaborazione di tecniche di visualizzazione dell’informazione scientifica in mezzi diversi (dalla videografica alle simulazioni in 3D e in realtà virtuale);
  • studio delle ricadute e degli effetti della comunicazione scientifica nella società civile (credibilità, fiducia nella ricerca);
  • elaborazione di comunicazioni per la disseminazione dei risultati e del lavoro di ricerca del dipartimento e dell’Ateneo.

 

Nel CRS confluisce il Centro di Semiotica e Teoria dell’Immagine “Omar Calabrese”, del DISPOC, diretto da Tarcisio Lancioni e che comprende inoltre Maria Cristina Addis, Stefano Iacoviello, Massimiliano Coviello, Giacomo Tagliani, Francesco Zucconi, Francesca Polacci.