Luigi RIZZI

Luigi RIZZI

Luigi Rizzi è nato a Genova il 3 giugno 1952. E' professore ordinario di linguistica generale presso l'Università di Siena.

Ha studiato alla Scuola Normale Superiore di Pisa, all'Università di Pisa e all'Università di Parigi VIII.
Ha insegnato presso i dipartimenti di linguistica di diverse università europee ed americane; è stato tra l'altro professore ordinario all’Università di Ginevra, professore associato al MIT (Cambridge, Massachusetts) e visiting professor all’Ecole Normale Supérieure (Parigi).

 

E' socio onorario della Linguistic Society of America.
E’ Corresponding Fellow della British Academy.
E’ Membro della Academia Europaea.
Gli è stata attribuita la Cattedra internazionale di ricerca Blaise Pascal della Region Ile de France, attivata presso l’Ecole Normale Supérieure di Parigi.

 
E' co-direttore della Rivista di grammatica generativa da un trentennio. E' stato European Editor di Linguistic Inquiry per oltre un decennio. Fa parte del comitato scientifico di numerose riviste, tra cui Language Acquisition, Probus, English Linguistics, Rivista di Linguistica, Sistemi intelligenti, Studia Linguistica, Frontiers in Language Sciences, Studies in Chinese Linguistics; è "associato" a Behavioral and Brain Sciences.

 

E’ stato direttore del Dipartimento di scienze della comunicazione dell’Università di Siena, presidente del corso di laurea specialistica in Linguistica  e coordinatore del settore di linguistica del dottorato in Scienze cognitive della stessa Università.

Ha diretto il CISCL (Centro Interdipartimentale di Studi Cognitivi sul Linguaggio) all’Università di Siena dalla sua fondazione.

Nell'ambito delle scienze cognitive, è stato chiamato nel comitato di esperti per la costituzione dell'Institut des sciences cognitives di Lione (CNRS) e nel comitato scientifico dei Trieste Encounters in Cognitive Science (SISSA, Trieste).

 

Si occupa di teoria della sintassi e di sintassi comparativa delle lingue romanze e germaniche. Ha contribuito in particolare allo sviluppo dell'approccio parametrico alla comparazione sintattica; alla teoria della località, con particolare riferimento all’introduzione e sviluppo della minimalità relativizzata;  allo studio delle rappresentazioni sintattiche, con l’introduzione e sviluppo della cartografia delle strutture sintattiche; in quest'ultimo ambito, è stato coordinatore nazionale di due progetti PRIN (network Siena, Firenze, Milano, Venezia, Ferrara), e coordinatore locale in altri quattro progetti PRIN dedicati alla cartografia delle strutture sintattiche.

Si occupa anche di acquisizione del linguaggio, con particolare riferimento allo sviluppo della morfosintassi nel bambino, e del ruolo della linguistica all’interno delle scienze cognitive.